Il sito si avvale dell'utilizzo dei cookie per finalità legate al funzionamento di alcuni servizi come riportato nella sezione cookie privacy policy.
Navigando il nostro sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. ACCETTO - COOKIE PRIVACY POLICY
Link Sponsorizzati

Adv


La vita e le opere di Modest Moussorgsky

Vita e opere Modest Moussorgsky e Spartiti Musica Classica Modest Moussorgsky in formato pdf



Avviato alla carriera militare (suo padre era proprietario terriero) entrò nella Scuola dei Cadetti di Pietroburgo ma ben presto si dedicò interamente alla musica, entrando - non ancora ventenne - in contatto con Borodin, Dargomynski e Balakirev, col quale continuò gli studi di composizione. Nel 1858 abbandonò definitivamente l’esercito, e cadde in ****** povertà (causa i moti rivoluzionari). Dal 1863 lavorò presso il Dipartimento forestale di Pietraburgo, e dal 1865 visse col fratello, accusando i primi segni di una salute inferma, aggravata dall’abuso dell’alcool. Lavorò poi per il Ministero degli interni, e tenne una lunga tournèe di concerti nella Russia meridionale. Nel 1880 cessò ogni attività e visse miseramente; ricoverato nell’ospedale militare di Pietroburgo, vi morì d’infarto. Il nome di Mussorgski, inizialmente legato a quello dei componenti del “Gruppo dei Cinque" (con Balakirev, Cui, Rimski-Korsakov e Borodin) si impose gradualmente all'attenzione del mondo come quello del maggiore compositore russo del secolo scorso. Più di tutti i suoi contemporanei egli comprese che per liberarsi dalla pesante influenza della musica occidentale (francese, italiana e tedesca), era necessario attingere al patrimonio musicale del popolo russo. Sulla scia di Glinka si volse così a temi nazionali a cui diede una veste interamente nuova, nel senso dell'individuazione di un linguaggio tutto personale e insieme di carattere nazionale, svincolato dalle coercizioni armoniche e formali di derivazione occidentale. Di qui anche l'assurda accusa di dilettantismo mossa a Mussorgski: nel grandioso – e fu davvero tale - sforzo di abbandonare ogni schema che non fosse intrinseco ai modi musicali popolari egli, a differenza di Tchiaikovski, non teme di impiegare forme assolutamente nuove e un linguaggio armonico e melodico sovente straordinariamente innovativo. A parte i suoi Quadri di un’Esposizione (versione per pianoforte, quella orchestrale è opera di trascrizione di Ravel), anche i suoi grandi affreschi sinfonici ben descrivono il suo sforzo storicamente significativo quanto necessario.

Commenta

Tutti gli Autori di Spartiti

L.V. Beethoven

vita e opere - spartiti
F. Mendelssohn

vita e opere - spartiti
S.V. Rachmaninoff

vita e opere - spartiti
F.Schubert

vita e opere - spartiti
Muzio Clementi

vita e opere - spartiti
Robert A. Schumann

vita e opere - spartiti
S.S. Prokofiev

vita e opere - spartiti
Modest Moussorgsky

vita e opere - spartiti
D. Scarlatti

vita e opere - spartiti
Giuseppe Verdi

vita e opere - spartiti
Richard Wagner

vita e opere - spartiti
Tchaikovsky

vita e opere - spartiti
Pubblicità

Statistiche
Data: 23/07/17
Ora: 10:31:15
Ip: 54.161.21.157
Utenti On Line: 19










W3Csites.com Valid CSS! Valid HTML 4.01! Powered by DB Mysql! Powered by Php! Powered by Apache!

Risorse Gratuite. Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti presenti sul sito.
Risorse Gratuite © 2004 - 2017. Leggi Disclaimer - Cookie Privacy Policy - Contatti