Il sito si avvale dell'utilizzo dei cookie per finalità legate al funzionamento di alcuni servizi come riportato nella sezione cookie privacy policy.
Navigando il nostro sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. ACCETTO - COOKIE PRIVACY POLICY
Link Sponsorizzati

Advs


Splendenti figlie di Mnemosine e di Zeus Olimpio - Salone

Poesia Splendenti figlie di Mnemosine e di Zeus Olimpio di Salone Splendenti figlie di Mnemosine e di Zeus Olimpio...

In ordine per Autore
ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ

In ordine per Titolo
ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ


Splendenti figlie di Mnemosine e di Zeus Olimpio ( Salone)

Splendenti figlie di Mnemosine e di Zeus Olimpio,
Muse Pieridi, la mia preghiera ascoltate.
Concedete che io abbia prosperità dagli dèi beati,
e da tutti gli uomini grande fama per sempre.
Sia io dolce agli amici e aspro ai nemici;
per gli uni degno di onore, per gli altri tremendo a vedersi.
Desidero avere ricchezze, ma possederle ingiustamente
non voglio: sempre, in seguito, giunge Giustizia.
La ricchezza, che danno gli dèi, rimane all'uomo
salda, dalla sua più profonda radice fino alla cima;
la ricchezza, che gli uomini cercano con prepotenza,
non viene secondo ordine ma, obbedendo ad azioni ingiuste,
segue controvoglia, e subito a lei si mescola Rovina;
da poca cosa ha inizio, come avviene per il fuoco:
debole è il principio, ma funesta la fine.
Tra i mortali non durano le opere della prepotenza.
Il compimento di tutte le cose Zeus sorveglia e, all'improvviso
- come spazza subito le nuvole il vento
di primavera che, rimosso il fondo del mare sterile,
dalle molte onde, sulla terra che produce frumento
distrugge i bei lavori dei campi, e giunge poi al cielo, l'inaccessibile
sede degli dèi, e fa di nuovo vedere il sereno;
limpida rifulge allora la forza del sole sulla pingue
terra, e nessuna nube si può più vedere -;
così è la punizione di Zeus, ma non in ciascuna occasione,
come fa un mortale pronto alla collera.

Mai gli sfugge chi ha un cuore
malvagio, ma sempre alla fine si disvela.
Chi paga subito, chi dopo. Scampino pure alcuni
e non li colga il fato divino che sopraggiunge;
esso viene ugualmente dopo. Paga chi è senza colpa:
o i figli, o la stirpe in futuro.

Commenta

PubblicitÀ




Pubblicità

Statistiche
Data: 22/01/21
Ora: 03:32:57
Ip: 18.234.247.75
Utenti On Line: 8










W3Csites.com Valid CSS! Valid HTML 4.01! Powered by DB Mysql! Powered by Php! Powered by Apache!

Risorse Gratuite. Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti presenti sul sito.
Risorse Gratuite © 2004 - 2021. Leggi Disclaimer - Cookie Privacy Policy - Contatti